h1

##########

Mutui Impresa

Significativa la nostra attività di “advisory” per lo sviluppo di progettualità imprenditoriale, sia per le nuove “start up” che per quelle “early stage” nonché “ fast growth”. Rilevante, inoltre, l’attività nell’ambito degli strumenti di incentivazione istituiti dallo Stato, dalle Autorità comunitarie e regionali quali, ad esempio L. 488/92, Programmazione Negoziata, Imprenditoria Femminile e Giovanile, L. 388/00 E-commerce, PIA, misure sui Programmi Operativi Regionali.

FINANZIAMENTI A TASSO DI MERCATO

Durata. Fino a 10 anni (15 anni per il settore alberghiero).

Tasso. Correlato all’EURIBOR per le operazioni a tasso variabile e all’IRS per quelle a tasso fisso, maggiorato di uno spread competitivo.

FINANZA DI PROGETTO

Asseverazioni bancarie. Asseverazione dei piani economico-finanziari presentati a corredo delle proposte di concessione ex art. 37 bis L. 109/94 (Merloni-ter e succ.).

FINANZIAMENTI PER LA COMPRAVENDITA DI MACCHINARI

(Sconto di effetti cambiari ai sensi della legge Sabatini n. 1329/65)

Oggetto dell’aiuto. Finanziamento agevolato con fondi regionali fino al 70% dell’investimento globale. L’intensità degli aiuti non può superare il 35% ESN + 15% ESL e il “de minimis”. In ogni caso l’apporto del beneficiario non può essere inferiore al 25% dell’investimento. L’intervento è cumulabile con le agevolazioni ex L. 488/92.

Modalità dell’aiuto. Finanziamento a tasso agevolato pari al 40% del tasso di riferimento europeo (30% nel caso in cui i richiedenti siano cooperative, associazioni di produttori o giovani imprenditori).

Settori ammissibili. Tutti i comparti industriali e di servizi agevolabili ai sensi della L. 488/92 - industria.

FINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATO ALL’INDUSTRIA

ex L.r. 5/8/1957 n. 51 e succ. (solo Regione Sicilia)

Spese ammissibili. Progettazione e studi di fattibilità; acquisto del terreno e sua sistemazione, opere murarie e assimilabili; infrastrutture, macchinari, impianti ed attrezzature.

Soggetti beneficiari. Piccole e medie imprese operanti in Sicilia, nonché tutti i soggetti operanti nei comparti industriali e di servizi agevolabili ai sensi della L. 488/92 ed individuati dalla circolare ministeriale 900315 del 14/7/2000.

Durata. Max 15 anni per i nuovi impianti e 10 anni per gli ampliamenti.

Oggetto dell’aiuto Finanziamento agevolato con fondi regionali fino al 50% dell’ammontare del contratto per l’esecuzione di commesse di fornitura e lavorazioni convenute con imprese pubbliche e private, purché la loro esecuzione richieda tempi tecnici e/o immobilizzi di particolare impegno, per un importo massimo di €. 1.291.142 (per i consorzi di imprese il limite è elevato a €. 2.065.827).

Modalità dell’aiuto. Apertura di credito rotativa. È richiesto il rilascio di fideiussione assicurativa o di primaria società finanziaria iscritta all’albo speciale ex art. 107 D. lgs. 385/93 in misura non inferiore al 30% del finanziamento, ovvero, in alternativa, l’intervento del Consorzio Fidi in misura non inferiore al 60%.

Settori ammissibili. Piccole e medie imprese industriali operanti in Sicilia così come definite dall’Unione Europea. Sono escluse le imprese elettriche, petrolchimiche, agroalimentari, di trasporto ed i cementifici.

Spese ammissibili. Spese per la realizzazione della commessa. Sono escluse dall’agevolazione le forniture e lavorazioni che rientrino nel normale ciclo produttivo aziendale, volte al riassortimento del magazzino “prodotti finiti”.

FINANZIAMENTI A TASSO ORDINARIO AL TURISMO CON CONTRIBUTI C/INTERESSI E/O CONTRIBUTI C/CAPITALE

ex art. 76 L.r. 32/2000 (solo Regione Sicilia)

Soggetti beneficiari. Imprese del settore turistico operanti in Sicilia di cui agli artt. n. 3 L.r. 27/96, n. 11 L.r. 38/96 e n. 30 L.r. 21/01, nonché quelle che esercitano attività classificate “complementari”.

Garanzia sussidiaria. I finanziamenti potranno essere assistiti da una garanzia sussidiaria, a valere su fondi della Regione Siciliana, sino ad un massimo del 40% dell’ammontare del mutuo.

Durata Massimo 20 anni di cui 2 di preammortamento, se trattasi di opere murarie ed assimilate e 10 anni per attrezzature e arredi.

Oggetto dell’aiuto. Garanzia a fronte di finanziamenti a tasso ordinario a medio termine della durata massima di 15 anni; la garanzia è pari al 75% dell’importo del finanziamento, sino ad un massimo di €. 1.032.913,80. L’intensità dell’aiuto finanziario non può comunque superare il limite “de minimis”.

Soggetti beneficiari. Piccole e medie imprese industriali, artigiane e di servizi reali operanti in Sicilia, così come definite dall’Unione Europea. Attualmente si applicano le limitazioni "de minimis" anche dal punto di vista settoriale.

LEGGE 488/1992 SETTORE INDUSTRIA

L’apporto dei mezzi propri da investire nel progetto di investimenti non può essere inferiore al 25%. A tal fine vengono considerati tutti i mezzi di copertura finanziaria esenti da qualunque elemento di aiuto pubblico, ivi compreso il finanziamento bancario ordinario.

Settori ammissibili. Attività estrattive e manifatturiere, di costruzioni, di produzione e distribuzione di energia elettrica e calore, nonché di servizi indicate nella specifica circolare ministeriale, (all.1 decreto), salvo i divieti e/o le limitazioni derivanti dalla normativa comunitaria.

Spese ammissibili. Progettazione e direzione lavori; studi di fattibilità economico-finanziaria e di valutazione ambientale; oneri per le concessioni edilizie; collaudi di legge. Suolo aziendale, sue sistemazioni e indagini geognostiche. Opere murarie e assimilate. Infrastrutture specifiche aziendali. Macchinari, impianti ed attrezzature varie. Programmi informatici. Brevetti concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi. Introduzione di sistemi di qualità; adesione a sistemi di certificazione ambientale; quota iniziale contratti franchising. Spese d’istruttoria finanziamento bancario, valutazione garanzie e stipula contratto. Sono ammissibili anche le spese per beni acquisiti tramite locazione finanziaria.

Soggetti beneficiari. Imprese di qualunque dimensione, già iscritte al registro delle imprese, operanti nei settori industria e nei servizi indicati nella specifica circolare ministeriale. Le imprese di servizi devono essere già costituite sotto forma di società regolari. Per le ditte individuali, ancora non operanti, è sufficiente la partita iva. Tutte le imprese richiedenti devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria.

Durata. Il programma d’investimenti va completato entro 24 o 48 mesi dalla data del Decreto di concessione provvisoria delle agevolazioni, pena la revoca del contributo. Può essere consentita una proroga fino a 6 mesi per eccezionali cause di forza maggiore.

Oggetto dell’aiuto. Programmi d’investimento nelle aree sottoutilizzate del Paese previste dall’art. 1, comma 2 del Decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito con modificazioni, dalla Legge 19 dicembre 1992, n. 488 e successivo Decreto del M.A.P., di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze del 1° febbraio 2006. Settori “Industria” - “Turismo” -“Commercio”. Modalità dell’aiuto Contributo in c/capitale e finanziamento con capitale di credito composto (finanziamento pubblico agevolato – tasso pari a 0,50% annuo – e finanziamento bancario ordinario a tasso di mercato per pari importo, di durata massima 15 anni di cui 4 di preammortamento). L’erogazione del contributo avviene in n. 2 o 3 quote annuali, la prima delle quali è resa disponibile il giorno successivo alla stipula del contratto di finanziamento e può essere erogata in via anticipatoria, previa esibizione di fideiussione bancaria o assicurativa. Le quote di finanziamento (non più di sei quote) sono erogate per s.a.l..

LEGGE 488/1992 SETTORE TURISMO

L’apporto dei mezzi propri da investire nel progetto di investimenti non può essere inferiore al 25%. A tal fine vengono considerati tutti i mezzi di copertura finanziaria esenti da qualunque elemento di aiuto pubblico, ivi compreso il finanziamento bancario ordinario.

Settori ammissibili. Attività di gestione di strutture ricettive; gestione di stabilimenti balneari; gestione di strutture congressuali; gestione di orti botanici, di parchi naturali e del patrimonio naturale; gestione di porti turistici; gestione di impianti di risalita, nonché le attività indicate dalle regioni e dalle province autonome di Trento e Bolzano (art. 1.4- b decreto).

Spese ammissibili. Progettazione e direzione lavori; studi di fattibilità ecomomico-finanziaria e di valutazione ambientale; oneri per le concessioni edilizie; collaudi di legge. Suolo aziendale, sue sistemazioni e indagini geognostiche. Opere murarie e assimilate. Infrastrutture specifiche aziendali. Macchinari, impianti ed attrezzature varie. Programmi informatici. Brevetti concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi. Introduzione di sistemi di qualità; adesione a sistemi di certificazione ambientale; quota iniziale contratti franchising. Spese d’istruttoria finanziamento bancario, valutazione garanzie e stipula contratto. Spese relative ai servizi annessi alle strutture ricettive. Sono ammissibili anche le spese per beni acquisiti tramite locazione finanziaria.

Soggetti beneficiari. Imprese di qualunque dimensione, già iscritte al registro delle imprese, esercenti le attività come sopra indicate. Per le ditte individuali, ancora non operanti, è sufficiente la partita iva. Tutte le imprese richiedenti devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria.

Durata. Il programma d’investimenti va completato entro 24 o 48 mesi dalla data del Decreto di concessione provvisoria delle agevolazioni, pena la revoca del contributo. Può essere consentita una proroga fino a sei mesi per eccezionali cause di forza maggiore.

LEGGE 215/1992 PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE

I progetti prevedono un investimento complessivo ammissibile non inferiore a €. 60.000 e non superiore a €. 400.000.

Settori ammissibili. Agricoltura (sez. A e B Istat 2002); Manifatturiero e assimilati (sez. C, D, E, F, Istat2002); Commercio, Turismo e Servizi (sez. G, H, I, J, K, M, N, O Istat 2002). In particolare i settori della produzione agricola sono soggetti a limiti e condizioni stabiliti dai POR o dai PSR.

Iniziative ammissibili

  • Avvio di attività imprenditoriale;
  • Acquisto di attività preesistente consistente in rilevamento di attività o di un ramo aziendale, mediante atto di acquisto o di locazione con durata pari a 5 anni dalla stipula;
  • Realizzazione di progetti aziendali innovativi connessi all’introduzione di qualificazione e di innovazione di prodotto, tecnologica o organizzativa, anche se finalizzata all’ampliamento e all’ammodernamento dell’attività esercitata;
  • Acquisizione di servizi reali destinati all’aumento della produttività, all’innovazione organizzativa, al trasferimento delle tecnologie, alla ricerca di nuovi mercati per il collocamento dei prodotti, all’acquisizione di nuove tecniche di produzione, di gestione e di commercializzazione.

Spese ammissibili. Impianti generali (elettrico, riscaldamento, antifurto, ecc.); macchinari e attrezzature; brevetti (nel limite del 12% per il settore della produzione agricola primaria); software; opere murarie (relative alla ristrutturazione dei locali, nel limite del 25% della spesa per impianti, macchinari e attrezzature) e relativi oneri di progettazione e direzione lavori (nel limite del 5% dell’importo per opere murarie); studi di fattibilità e piani d’impresa, studi di impatto ambientale (nel limite del 2% del costo dell’investimento complessivamente ammesso). Per le iniziative nel settore della produzione agricola primaria, il costo dell’acquisto di attività preesistente non è agevolabile. Le spese ammissibili sono quelle sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda ovvero, per coloro che optano per il regime “de minimis”, quelle sostenute successivamente alla data di chiusura del bando precedente.

Soggetti beneficiari. Imprese individuali, società di persone, società cooperative e società di capitali aventi dimensione di piccola impresa e prevalente partecipazione femminile.

Tempi di attuazione. Il programma d’investimenti va completato entro 24 mesi dalla data del decreto di concessione delle agevolazioni.